#23 Dicembre


PRATICA BDSM : INCLINAZIONI DOM/SUB : FEMDOM

Ne ho già parlato altrove, di questa inclinazione.
E’ un gioco creato da una mistress o un gruppo di mistress, al dominio di uomini o donne.

Spesso viene interpretato come “sadomaso” in quanto le donne si sa, sono molto più sadiche degli uomini.

Rimango però dell’idea, che una relazione FEMDOM sia la migliore in questo pianeta.

Voi che ne pensate? 🙂

0

#22 Dicembre


PRATICA BDSM : INCLINAZIONI DOM/SUB : GAYDOM

Ci addentriamo sempre più in un mondo molto discusso, per i suoi pregiudizi ma alquanto interessante.

Parliamo di un pianeta a sè stante, dove i cardini del gioco sono dei 2 o più componenti, rigorosamente omosessuali.
Avendo avuto modo di constatare da etero, che il gioco con 2 o più uomini, è molto divertente per un discorso legato alla mente libera e alle poche inibizioni che derivano dal gioco e dalla loro inclinazione, rende appunto tutto molto scorrevole e divertente.

E’ una inclinazione, data dalla sessualità non dal roleplay!

Che ne pensate?

0

#21 Dicembre


PRATICA BDSM : INCLINAZIONI DOM/SUB : QUEER & TRANS

Mancano pochi giorni a natale ed è arrivato il momento di parlare di inclinazioni e “giochi” di ruolo.
Chi sono i/le Queer e cosa c’entrano con questo mondo? Sono quel genere di “sesso” “non ancora identificato”, cioè non hanno ancora ben chiaro il loro genere e il ruolo.

Cosa c’entrano con questo mondo, è molto semplice spiegarlo. Esiste una sorta di dominazione e sottomissione legata a questo genere. Spesso però, il ruolo è quello di sottomesso in quanto sono molto versatili o tendenti al passivo.

Il genere trans, invece, hanno ben chiaro il loro ruolo. Spesso sono uomini che “transitano” verso la donna, tenendo spesso l’altro genere “in standby”. Esempio pratico del seno nei MtF (MALE TO FEMALE). Loro nel BDSM hanno un ruolo importante in quanto spesso sono ATTIVI e creano edgeplay interessanti e molto creativi.

-4 a Natale… è presto per farvi gli auguri?!

0

#20 Dicembre


PRATICA BDSM: SCARIFICATION

Finalmente mancano pochi giorni al natale! -4. Cominciamo a fare il countdown!

La pratica di oggi è una di quelle cose che O TI PIACCIONO o NON TI PIACCIONO. Non può esserci una via di mezzo. Molti mi diranno che sono un folle a parlarne ma, essendo una tecnica non posso farne a meno!

La scarificazione, intesa come pratica, non è nient’altro che incidere la pelle al fine di creare cicatrici (“scar” in inglese significa cicatrice). Queste cicatrici possono essere definite “di gioco” o “artistiche”.
E’ una pratica molto pericolosa, proprio per il contatto con il sangue, quindi MASSIMA CAUTELA!

Attrezzi: coltelli, lamette e tutto ciò che può essere tagliente. Ed ovviamente, guanti!

Che ne pensate? 🙂

0

#19 Dicembre


PRATICA BDSM: AGEPLAY

Qualcosina avevamo già detto dell’argomento, parlando di DDLG, ma qui andiamo ben oltre.
L’ AGEPLAY è una tecnica usata, soprattutto all’inverso di quanto si possa immaginare, verso il genere maschile. Tendenzialmente è una pratica attuata dagli uomini che, devono in qualche modo, sembrare infantili e quindi comportarsi come tali.

Ci sono le eccezioni ma parliamo di DDLG dove c’è un padrone e svariate altre regole. Qui invece si parla di sessione singola o comunque sessioni dettate dal piacere di essere e sentirsi dominati da infantili o da adulti, facendosi dominare da qualcuno di molto più infantile.

E’ una tecnica che racchiude altre tecniche.

Buon divertimento! 🙂

0

#18 Dicembre


PRATICA BDSM: CMNF (Clothed male, naked female), CFNM (Clothed Female, Naked Male)

Parliamo di una non-pratica ma è giusto citarla in tale argomento.
Tale tecnica significa proprio MASCHIO VESTITO FEMMINA NUDA (cmnf) e DONNA VESTITA UOMO NUDO (cfnm).
Parliamo di una pratica utilizzata spesso nel bdsm, in quanto è molto difficile trovare dominanti nudi e di conseguenza slave/sub vestiti.

La pratica viene applicata soprattutto in questo mondo parallelo, ma l’usanza vale anche in eventi e porno softcore.

Attrezzi: vestiti!

Che ne pensate?

0

#17 Dicembre


PRATICA BDSM: SELF BONDAGE

E’ una tecnica molto usata per chi, dopo aver provato ed essere entrato nel mondo bdsm, adora le corde sul corpo.
Proprio per questo di chiama “Bondage” in quanto la sensazione delle corde sul corpo crea piacere.

La tecnica serve anche per “imparare” e “affinare” la pratica con le corde anche in relazione ad un eventuale switch.
Come sempre, massima attenzione a: collo e stretture di nodi. Possono essere molto pericolose!

Attrezzature: Corde (canapa, juta, cotone, raso, velluto) e oggetti di costrizione quali catene ed eventuali fruste lunghe.

Buon divertimento 🙂

1+

#16 Dicembre


PRATICA BDSM: LEATHER BONDAGE

Si tratta di una pratica molto “legata” al bondage, con l’unica differenza del tipo di costrizione.
A differenza proprio del bondage, vengono utilizzati vestiti o accessori in pelle o ecopelle.

Classico esempio sono le camicie di forza, maschere e fruste. Tendenzialmente è la parte sottomessa ad indossare tali abiti in quanto predilige il contatto con la pelle.

L’ecopelle viene utilizzata soprattutto per la questione etica del discorso, ma non per questo declassata.

Il leather bondage viene utilizzato anche per non lasciar tracce, segni o liquidi corporei o altro.

Attrezzi: Camicie, fruste, maschere, collari e tutto ciò che crei costrizioni e piacere.

A voi le redini del gioco! Buon divertimento!

0

#15 Dicembre


TECNICA BDSM : BAREFOOT BONDAGE

Si tratta di una pratica BDSM che riguarda la dominazione a piedi nudi.
Sembra una pratica semplice e di poco conto, invece con pochi accorgimenti diventa molto intrigante.
Classico esempio di barefoot può essere una bacchetta sui piedi nudi o attrezzi quali bacchette pungenti sulla pianta del piede stesso.

Si pratica, spesso insieme al bondage, ma si può in alternativa utilizzare anche in rapporti vanilla senza corde nè costrizioni.

Attrezzature: Corde (bondage), bacchette, carboni e tutto ciò che può provocare con il calore o con il contatto dolore/piacere.

Voi che ne pensate?

1+

#14 Dicembre


PRATICA BDSM: BLIND BONDAGE

Questa è una di quelle tecniche legate ad altre. Si chiama così per la sua propensione verso il bendato, senza guardare, senza osservare il proprio DOM.

Rientra nel pianeta del BDSM, sottocategoria BONDAGE, nell’insieme del Sensation Play e di tutte quelle tecniche dove non si deve per forza essere liberi per godere del piacere.

Può essere considerata una tecnica soft se non associata al bondage, ma non si capisce il motivo del perché non si debba usare la corda o delle manette per tale pratica.

Requisiti: fantasia, stile e oggetti per bendare quali bende o tessuti. Va bene anche lo scotch, se si vuole qualcosa di ancora più perverso.

Libero sfogo alla fantasia!

0